Home » Approfondimenti AI » Google Search non risponde più con i siti

Google Search non risponde più con i siti

A distanza di poche ore dal lancio di Chat GPT-4o, Google ha presentato le sue novità, cambiando totalmente l’approccio alle ricerche. Qual è quindi la novità? Google non risponderà più alle ricerche degli utenti con i siti, ma con vere e proprie risposte generate dal motore stesso. L’intelligenza artificiale è la protagonista indiscussa di questo moto continuo che sta rivoluzionando tutto il settore. Leggi anche: Chat GPT 4 o come si attiva e come funziona.

Con questa nuova presentazione, Google voleva stupire e possiamo dire che ci è riuscita. Google compone la pagina con l’intelligenza artificiale chiamata Gemini. Alla fine, l’esito positivo potrà essere valutato unicamente dagli utenti abituali di Google. Nel nostro video che vedrete qui sotto potete trovare alcune piccole parti estratte dalla presentazione Google.

Google non risponde più con i siti web. Vi piace questo nuovo modo di cercare le cose?

Google cambia totalmente filosofia: da ora in poi, quando cerchiamo qualcosa, sarà l’intelligenza artificiale a comporre la risposta. Questa non sarà secca, ma potrà elaborare le query per fornire soluzioni sempre più raffinate e descrittive.

Facciamo l’esempio delle ricette. Numerosi blog di ricette arrivavano a catena su Google, ma ora hanno poco senso di esistere perché sarà Google stesso a fornirci le ricette, sempre tramite una ricerca multi-step. Perché multi-step? Perché la ricerca definitiva sarà composta da più passaggi, permettendoci di interagire direttamente con l’intelligenza artificiale e chiedere informazioni o dettagli per definire sempre più le risposte.

Se vogliamo fare un viaggio, possiamo inserire la meta e i giorni. Google risponderà con i voli e gli hotel, ma possiamo costantemente migliorare la ricerca dialogando direttamente con Google fino a ottenere le risposte desiderate.

Gemini e il futuro di Google

Il nuovo modello Gemini integrato nella Ricerca Google, mette insieme le capacità avanzate di ragionamento in più fasi, pianificazione e multimodalità con i sistemi di ricerca Google.

Gemini non si ferma qui: Google ha annunciato anche varie estensioni della sua AI. Una nuova funzionalità di Lens permette di effettuare ricerche registrando un video, e un innovativo strumento di pianificazione è in grado di generare automaticamente itinerari di viaggio o diete da una singola query, oppure suggerire il miglior ristorante per una serata fuori senza far perdere tempo.

Gemini è quindi integrato in vari servizi Google, compresi i dispositivi e il prossimo Android 15, per comprendere meglio le richieste degli utenti, sia che vengano digitati, parlati, fotografati o filmati. Insomma, vi è una vera e propria rivoluzione in atto che porterà a un modo di cercare notizie e di relazionarsi con Google completamente differente.

Sono Fabrizio Giancaterini e ogni giorno scopro nuove cose e le condivido, con parole semplici, qui su gianca.net. Sia in formato video che in formato testo. Segui gianca.net su Telegram qui.


content reviewer: Camilla Petrella

foto di Camilla Petrella, content creator presso gianca.net e amministratrice di UpGo.it SRL

Questo sito è di proprietà di UpGo.it SRL di Ronciglione (VT)

Lascia un commento