Home » Approfondimenti AI » Perplexity funziona meglio di Google? Recensione Perplexity AI

Perplexity funziona meglio di Google? Recensione Perplexity AI

Confronto tra Google e Perplexity: Perplexity, combinando motore di ricerca e intelligenza artificiale, offre risposte immediate e dettagliate, superando Google in termini di fluidità e precisione delle informazioni.

Sfide e innovazioni: Google, criticata per la minore attenzione all’esperienza dell’utente, è messa in discussione dalla rivoluzione dell’AI e dall’emergere di nuovi player come Perplexity, che sono avvantaggiati nel fornire soluzioni più innovative.

ConcettoDescrizione
Leadership di Google in passatoGoogle ha sempre mantenuto una posizione dominante nel campo dei motori di ricerca, ma ora ci sono valide alternative che minacciano questa posizione.
Confronto Google e PerplexityPerplexity combina motore di ricerca e AI, offrendo risposte immediate e suddivise per punti, rendendo la ricerca più fluida e dettagliata rispetto a Google.
Critiche a GoogleGoogle è stata criticata per la minore attenzione all’esperienza dell’utente rispetto al fatturato.
Funzionalità di PerplexityPerplexity permette di continuare la conversazione e approfondire le ricerche, integrando continuamente nuove informazioni.
Innovazione e vantaggio competitivoI nuovi player come Perplexity sono avvantaggiati perché partono da zero, mentre colossi come Google devono rivedere e innovare molti aspetti aziendali.
Rivoluzione AILa rivoluzione dell’AI mette in discussione il monopolio di Google, ma alcuni aspetti di Google rimangono difficili da sostituire.
Perplexity vs Google. Big G viene stracciato. E in questo video ve lo dimostro

Google è stata la salvezza di internet, la vera rivoluzione. Nulla si è mai avvicinato a Google, che ha sempre mantenuto distanze e leadership. Ora non è più così: ci sono alternative valide e la rapidità con cui altre realtà stanno avanzando mette in discussione la stabilità e la leadership di Google.

Oggi confrontiamo Google con Perplexity. Abbiamo testato questa nuova intelligenza artificiale, un mix tra motore di ricerca e AI. Può competere con Google? Assolutamente sì. Per questo l’abbiamo confrontata con il colosso della ricerca. Potete seguire il nostro video sul canale Telegram o su YouTube.

Perplexity combina motore di ricerca e intelligenza artificiale, integrando bene queste due realtà e facendo concorrenza a Google già dalla homepage. Ha molte funzioni, ma oggi ci concentriamo sul confronto diretto con Google; approfondiremo le altre funzioni di Perplexity più avanti.

Il problema di Google negli ultimi anni è stato l’uso errato del denaro e l’attenzione al fatturato più che all’esperienza dell’utente. Abbiamo testato Google e Perplexity con ricerche concrete. Per esempio, abbiamo chiesto a Google “Cosa visitare a Parigi in tre giorni?”. Google mostra molti contenuti ottimizzati e ridondanti, costringendoci a cercare notizie più snelle.

Abbiamo chiesto invece a Perplexity “Cosa vedere a Ronciglione?” e abbiamo trovato subito le fonti e la risposta. Perplexity offre risposte immediate e suddivise per punti, con la possibilità di proseguire una conversazione, come con ChatGPT o Claude 3. Possiamo chiedere altro, come “Organizzami una visita guidata di Ronciglione in 4 ore e suggeriscimi un buon ristorante sul lago di Vico”, e Perplexity approfondisce e amplia la ricerca senza dover cercare altrove.

Perplexity aggiunge informazioni fresche e aggiornate alla ricerca precedente. L’URL diventa prezioso perché tutto è scritto lì, e possiamo condividere la nostra ricerca o mandare un link. Anche la funzione “More on This” funziona bene, permettendo di ottenere ulteriori informazioni, per esempio, sulla cucina vegetariana.

Perplexity, così com’è, supera Google. Come si fa ad avere un motore di ricerca avanzato e superiore a Google? Non abbiamo una risposta precisa, ma i nuovi player, partendo da zero, in questa rivoluzione AI sono tutto sommato avvantaggiati. Mentre colossi come Google devono rivedere tutto il loro operato e i vari reparti aziendali, rendendo il processo più complesso.
Il monopolio di Google è messo in discussione dalla rivoluzione dell’AI. Tuttavia, alcuni aspetti di Google sono difficili da sostituire, ma Perplexity si guadagna un bel 9: è una bomba di informazioni, fonti, AI ed è molto rapido nelle risposte.

Sono Fabrizio Giancaterini e ogni giorno scopro nuove cose e le condivido, con parole semplici, qui su gianca.net. Sia in formato video che in formato testo. Segui gianca.net su Telegram qui.


content reviewer: Camilla Petrella

foto di Camilla Petrella, content creator presso gianca.net e amministratrice di UpGo.it SRL

Questo sito è di proprietà di UpGo.it SRL di Ronciglione (VT)

Lascia un commento